Welcome to my City

E’ il mio primo post serio. Dico davvero: ritorno a bloggare dopo molto tempo e stavolta in un progetto un po’ più articolato, più concreto (concreto? sul web, luogo dell’immateriale per eccellenza? mah…), un po’ più professional. Direi volentieri che si tratta di un work in progress, se non fosse che la mia insegnante madrelingua inglese inorridisce quando sente utilizzare questa espressione: lei preferisce chiamarlo un on-going project. Nel senso che chi vivrà vedrà.

Tutto è iniziato per caso. Anche nei film più stupidi tutto nasce per caso. Chiamiamolo destino, fato, Dio; io credo in una fortunata serie di incontri ed esperienze che mi hanno portato oggi ad aprire questo blog dove poter raccontare di come il web 2.0 può aiutarci a comunicare meglio il nostro patrimonio artistico e culturale. Mi serviva un canale dove raccogliere e condividere tutte le idee, le informazioni, gli spunti e le scemenze riguardo al social web e al turismo. Mi hanno fatto diventare una web 2.0 addicted: e ora beccatevi ‘sto blog.

Ah, benvenuti nella mia City: turisti del web e viaggiatori nella vita, you’re welcome.

Non tenerti tutto per te: condividi :)