Google Plus, More Accessibility?

Da qualche settimana, con il lancio della versione beta di Google Plus, il nuovo social network di BigG, in Rete e sul social stesso si sta discutendo animatamente di cosa sia effettivamente Google+, quali prospettive e potenzialità offre a livello di marketing, di comunicazione, di relazioni sociali, di sviluppo, di open source e chi più ne ha più ne metta.
Chi lo considera un Facebook senza giochi, chi un FriendFeed allargato, chi un Twitter evoluto; c’è chi grida già alla violazione della privacy, chi si aspettava di più, chi lo studia, chi gioca con le Cerchie e chi le detesta già.
Per un social nato adesso, potenzialmente più globale di Facebook (quanti hanno impostato Google come pagina iniziale del proprio browser? ;) ), a me sorge spontanea una riflessione: quanto è accessibile Google Plus. Non solo in termini di usabilità (sulla quale nutro personalmente qualche dubbio), ma in termini di accessibilità in relazione a quelle persone che per varie disabilità non possono accedere in maniera standard ai contenuti web.
Non conosco la risposta, non so dirvi quanto effettivamente Google+ sia accessibile, per i test lascio la parola e il relativo giudizio agli esperti. Ma mi piacerebbe che questo diventasse un argomento di discussione da portare eventualmente all’attenzione di BigG. Qualche riflessione in merito è già stata fatta da qualche blogger, ma in Italia non riesco a trovare traccia di thread che analizzino la questione (se se ne sta già parlando da qualche parte, per favore, segnalatemi il link!). Riporto un commento di una ragazza non vedente al post che vi ho linkato:

[quote] I use firefox and nvda, and I have difficulties to add friends to circles. I’m totally blind, I am exploring Google+, but I didn’t manage it to do many things: I shared a post with someone, added a spark to my profile, but nothing else. I also tried Google+ out with Supernova and internet explorer, but this was a worse combination! Supernova was not the most recent.[/quote] (cit. Katty Geltmeyer)

Perché se G+ avesse un buon livello di accessibilità, allora sì che sarebbe veramente “Plus”.

Qualche post che parla della questione accessibilità di Google Plus:
Accessibility of Google+: Will Blind Users Be +1ing?
Google+ First Impressions

Qui l’account Twitter ufficiale di Google Access@googleaccess

Non tenerti tutto per te: condividi :)

Rassegna stampa: il futuro degli smart mobile devices, secondo eMarketer Daily

eMarketer Daily ha pubblicato uno studio (riferito al mercato americano), secondo il quale entro la fine del 2015 i possessori americani di smartphones saranno 110 milioni. E che cosa ci fanno con questi gioiellini tecnologici? Di tutto: messaging, gaming, listening to music, watching videos, social networking, shopping, using apps and browsing the web, dice Noah Elkin, l’autore della ricerca.

Smart and Getting Smarter: Key Mobile Device Trends for Marketers
Smart and Getting Smarter: Key Mobile Device Trends for Marketers

La guerra tra i sistemi operativi di BlackBerry, Apple e Android è ancora aperta, con Android che cresce ogni giorno di più, tanto che nel 2012 potrebbe diventare il sistema operativo mobile più utilizzato.

Smartphone OS Market Share 2010
Smartphone OS Market Share 2010

Gli Stati Uniti rappresentano per l’Italia uno dei Paesi da cui provengono i flussi turistici più importanti. E la crescita esponenziale del mercato mobile dovrebbe far riflettere operatori privati ed enti pubblici sulle possibili implicazioni a livello di comunicazione e marketing turistico.

Non tenerti tutto per te: condividi :)

Ricominciare

Capita un giorno che si decida di chiudere il blog e di rifugiarsi nei social networks: niente categorie, niente post da scrivere, da correggere, da condividere. Si pensa e si pubblica, e basta.

forward

Poi, capita un giorno che i socialcosi non ti bastino più. Perché sta cambiando la tua sensibilità, perché senti il bisogno di uno spazio tuo, veramente tuo dove poterti esprimere. Prima di questo passo, hai dovuto fare nuove esperienze, conoscere nuove persone, litigare con alcune, approfondire la conoscenza di altre. Provare tutti gli strumenti social possibili, desiderare con tutta te stessa di cancellarti da tutti, e decidere di rimanere solo su quelli più importanti. E intanto, mentre stai a guardare la blogosfera, sei lì che pensi al tuo blog e a tutti i post mancati.

City Web Tourist mi andava stretto. Avevo bisogno di metterci la firma. Così, eccoci qua. E come dico sempre: speriamo bene ;)

Non tenerti tutto per te: condividi :)